Le Fermate – Il Treno di Dante

Le Fermate

 
Partenza

Firenze


Per Dante un luogo di amore e dolore, che ricorre molto spesso nella Divina Commedia. In questi anni Firenze visse profonde trasformazioni: dall'arte, alla cultura e religione, dall'economia alla politica.

Importante centro universitario e patrimonio dell'umanità UNESCO dal 1982, è considerata luogo d'origine del Rinascimento e della lingua italiana grazie al volgare fiorentino usato nella letteratura.

È universalmente riconosciuta come una delle culle dell'arte e dell'architettura, nonché rinomata tra le più belle città del mondo, grazie ai suoi numerosi monumenti e musei.

Firenze viene considerato uno dei luoghi con la più alta concentrazione di opere d'arte al mondo.


Visita Firenze
Km 30,00

Borgo San Lorenzo


Sotto gli Asburgo-Lorena di Toscana, Borgo San Lorenzo divenne il centro principale di tutto il Mugello, grazie alla centralità della sua posizione in questa zona e all'incremento edilizio ed agricolo operato dalla politica granducale.

Nell'800 il ruolo del paese si confermò con la nascita di una buona organizzazione industriale e, sul finire del secolo, con la creazione di una rete ferroviaria di collegamento con Firenze, Faenza e Pontassieve Nel 1861 Borgo San Lorenzo venne annesso al Regno d'Italia ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Per gli amanti della natura, Borgo San Lorenzo è collegata anche ad una fitta rete sentieristica con suggerimenti e proposte di itinerari che turisti e appassionati di trekking possono percorrere in ogni periodo dell'anno.


Visita Borgo S. Lorenzo
 
Km 70,00

Marradi


Denominato "Castello", fungeva da appoggio ai viandanti di passaggio, mentre il nome "Marradi" deriva etimologicamente da "Marrato", ossia zappato, per indicare quel podere posto alla destra del fiume Lamone.

Il territorio circostante è ricco di boschi e di acque trasparenti, ideale per chi ama le escursioni a piedi, in bici o a cavallo. Una delle più famose passeggiate va dal centro alla Rocca di Castiglionchio, un' antica fortificazione del VI secolo che domina il panorama dell’ intera Valle del Lamone.

La seconda e più impegnativa escursione porta all’Eremo di Gamogna, antico complesso monastico fondato da San Pier Damiani nel 1053 e raggiungibile per un sentiero che parte dal Ponte della Valle località Lutirano situato sulla provinciale che congiunge Marradi a San Benedetto in Alpe.


Visita Marradi
Km 100,00

Brisighella


Brisighella è un paese vivo, ricco di tradizioni, connotato da incredibili bellezze architettoniche e naturalistiche e insignito dei più prestigiosi riconoscimenti (Borghi più Belli d’Italia, Citta slow, Bandiera Arancione del Touring Club Italiano), a testimonianza delle sue eccellenze e della sua qualità di vita.

Arte, storia e architettura fuse in maniera originale attraverso lo sviluppo del centro storico in un dedalo di antiche viuzze, tratti di cinta muraria e scale scolpite nel gesso.

Diversi fattori concorsero a favorire una crescita progressiva del centro abitato: la posizione lungo la strada di fondovalle del Lamone, propizia ai commerci; la presenza di ben due fortificazioni (la rocca e la torre); l'abbondanza di gesso, prezioso materiale da costruzione e merce di scambio.


Visita Brisighella
 
Km 110,00

Faenza


La città è storicamente nota per la produzione di ceramica artistica, in particolare la maiolica, così rinomata da essere riconosciuta a livello internazionale con il termine "Faience".

Di origine romana, grazie all'intensa attività artistica e culturale divenne un centro di riferimento del Neoclassicismo in Italia e in Europa.

La città ospita anche uno tra i più importanti Musei d'Arte Ceramica del mondo e visitandola si possono trovare ben oltre sessanta botteghe ceramiche dove artigiani e artisti producono oggetti a marchio certificato, dalle riproduzioni storiche alle sperimentazioni artistiche.

Posta ai piedi dei primi rilievi dell'Appennino, vanta un territorio di grande interesse paesaggistico e un’offerta di turismo rurale molto sviluppata che si affianca a quella della città d’arte.


Visita Faenza
Arrivo

Ravenna


Nella sua storia, è stata capitale tre volte: dell'Impero romano d'Occidente (402-476), del Regno Ostrogoto (493-553) e dell'Esarcato Bizantino (554-751).

Il secondo Comune più grande d’Italia per estensione, maestosa, colta ed elegante. Dista pochi chilometri dall’Adriatico e vanta ben otto monumenti Patrimonio dell’Umanità Unesco. Come la Basilica di San Vitale, capolavoro dell’arte bizantina del VI secolo o gli stupendi mosaici del Mausoleo di Galla Placidia e del Battistero Neoniano.

A Ravenna termina il viaggio del Treno di Dante e proprio qui Dante termina la Divina Commedia con la stesura del Paradiso. Nella Basilica di San Francesco furono celebrati i suoi funerali e al di fuori di essa ne è custodita la tomba, considerata monumento nazionale e oggi protetta da una zona di rispetto e di silenzio chiamata “zona dantesca”.


Visita Ravenna
Acquista Biglietto